Addio Meme? Il Parlamento Europeo vuole bloccarli

Nuove legge sul Copyright: addio meme?

La riforma europea sul Copyright desta sempre più dubbi, con l’articolo 13 che potrebbe portare alla censura definitiva dei Meme. Diversi i movimenti di protesta in Rete, mentre Tim Berners-Lee scrive al Parlamento Europeo…

Il giorno del giudizio si avvicina: presto il Parlamento Europeo si esprimerà sulle modifiche alle norme del copyright. Previsto per il 20 Giugno, la riforma potrebbe costringere i Big del web a censurare i contenuti postati dagli utenti ancora prima che questi vengano pubblicati, per tutelare la proprietà intellettuale.
Oggetto di controversie è l’articolo 13, che richiede misure per tutelare gli accordi con i titolari dei diritti d’uso delle opere. L’unico modo di rispettare questo accordo consisterebbe nel censurare qualsiasi immagine, o parte di essa. Media virali come i Meme potrebbero giungere al capolinea, poiché spesso includono programmi, film, serie televisive e materiale teoricamente protetto dai diritti d’autore…

Cosa sono i Meme?

Un fenomeno di Internet (chiamato anche in inglese Internet Meme, “Meme di Internet”) è un’idea, uno stile o un’azione che si diffonde attraverso la Rete, spesso per imitazione, fino a diventare celebre. Il termine è usato anche per indicare dei post divertenti, che aggiungono una sorta di didascalia parodica alla foto originale.

Approfondimento: “Meme Trends: nasce il sito, come google trends, per ricercare i meme più popolari”

pagina iniziale: errori e come risolverli

Tim Berners-Lee, il creatore di Internet, contro la censura

Tim Berners-Lee, l’inventore di Internet, ha scritto una lettera al presidente del Parlamento Europeo con l’obiettivo di avvertirlo che l’articolo 13…

compie un passo senza precedenti verso la trasformazione di Internet da una piattaforma aperta per la condivisione e l’innovazione in uno strumento per la sorveglianza e il controllo automatizzato degli utenti.

Save Your Internet, il movimento di protesta

In rete sono nati già diversi movimenti di protesta, il più famoso dei quali è la campagna “Save Your Internet”, che invita gli utenti europei a contattare i propri deputati per evitare questa pesante censura. Il sito include strumenti per facilitare la comunicazione con i politici via e-mail o attraverso i social network.

Il timore è che queste norme possano non fare chiarezza nel controverso campo del diritto d’autore: il rischio è quello di incorrere in una censura globale, con il controllo automatizzato degli internauti.

servizi contattaci

1 Comments

  1. 25 giugno, 2018

    Addio Internet libero. L’UE approva la riforma del Copyright: cosa cambierà? - Blog Italia Mobile Rispondi Upvote (0)

    […] detto nel precedente articolo sui meme, in rete sono nati già diversi movimenti di protesta, il più famoso dei quali è la […]

Lascia un Commento