Amazon metterà fine al monopolio di Google e Facebook sulla pubblicità?

amazon sfida Google e Facebook

Amazon, oltre ad essere il negozio online più grande del mondo, è anche un punto di riferimento tra i motori di ricerca. La grande crescita pubblicitaria che sta avendo potrebbe togliere il monopolio dell’advertising a Google e Facebook…

Amazon non è solo il negozio online più grande del mondo, ma è anche un punto di riferimento tra i motori di ricerca. La società Kenshoo ha rilevato in una indagine come il 72% degli utenti che desiderano acquistare un prodotto o effettuare una ricerca online visiti, prima di tutto, il famoso e-commerce.

Amazon è un ottimo motore di ricerca: se si desidera trovare informazioni, è più efficace anche di Google!
Le schede dei prodotti sono ricche di contenuti: prezzo, foto, descrizione, recensioni… Il colosso di Jeff Bezos è un punto di riferimento nella vendita online; proprio per questo motivo l’interesse del suo fondatore si sta spostando sempre di più verso l’utilizzo che gli inserzionisti fanno del motore di ricerca, con l’obiettivo di incrementare gli introiti pubblicitari.

Amazon e la sfida a Google e Facebook per la pubblicità

Nel negozio online più grande del mondo, grazie all’advertising i brand possono comprendere il comportamento del proprio target e interagire con i potenziali clienti nel momento più opportuno, quello più adatto a concludere una vendita.

La sfida che sta per intraprendere Amazon è cruciale poiché potrebbe distruggere il monopolio di Google sia nel campo della ricerca sia in quello degli annunci pubblicitari. Anche Facebook potrebbe essere minacciato dalla strategia pubblicitaria di Bezos… Grazie ad accordi e a partnership con importanti brand, il prossimo anno assisteremo a un importante sviluppo dell’advertising di prodotto.

Per anni Amazon ha limitato la pubblicazione degli annunci per paura dei clienti, più abituati ad acquistare attraverso recensioni e prezzi che mediante “forzature” pubblicitarie.

Jeff Bezos, CEO di Amazon

Il futuro della pubblicità, sempre più digital

Secondo eMarketer, entro il 2021 la pubblicità online raggiungerà la metà della spesa totale pubblicitaria degli Stati Uniti, a discapito dei media tradizionali (TV, radio, giornali…).

Nell’anno appena concluso Google ha guadagnato 35 miliardi di dollari in advertising, seguito da Facebook con 17,4 miliardi. Amazon ha generato 1,7 miliardi di dollari, ma è difficile non notare la crescita di cui è stato protagonista: aziende del calibro di Procter & Gamble e Mondelez hanno individuato nel famoso e-commerce lo scaffale digitale adatto per vincere la guerra delle vendite. Il record del Prime Day 2017, con vendite superiori al miliardo di dollari, è un esempio delle enormi potenzialità dell’e-commerce.

Amazon ha una piattaforma pubblicitaria unica, diversa da quella dei concorrenti e ineguagliabile: un negozio online che genera vendite per centinaia di milioni di prodotti, un servizio di intrattenimento in streaming (Amazon Prime Video) e un database enorme con tutte le preferenze dei clienti.

servizi contattaci

Lascia un Commento