Come si comportano gli Italiani sui Social?

Italiani e Social Network

Come si comportano gli Italiani sui Social? Secondo il report di Blogmeter, Facebook è il più utilizzato, gli utenti non partecipano alle discussioni online e hanno difficoltà a riconoscere le pubblicità…

Blogmeter, società italiana specializzata nello studio di soluzioni per il social media monitoring e analytics, ha condotto una ricerca, “Italiani e social media”, sul comportamento degli Italiani sui social e sulle piattaforme di messaggistica istantanea. Il campione preso in esame comprende 1500 utenti dai 15 ai 64 anni, suddivisi per sesso, età e area geografica.

Blogmeter ha suddiviso gli utenti in due gruppi: il primo è include coloro che ne fanno un uso quotidiano (utilizzo di cittadinanza), il secondo coloro ne fanno un uso sporadico (utilizzo funzionale). Vediamo nel dettaglio i dati emersi dalla ricerca.

Quali sono i social network più utilizzati?

Al primo posto, nonostante le ultime polemiche, c’è sempre Facebook, seguito da YouTube e da Instagram. WhatsApp e Messenger sono utilizzati soprattutto per comunicare con le aziende. Instagram e WhatsApp attirano sempre più utenti: il primo ha raggiunto un utilizzo giornaliero da parte dei giovanissimi pari al 75%!

Italiani sui Social Network: quali sono i social network più utilizzati?

Gli utenti funzionali utilizzano soprattutto TripAdvisor, Google Plus e le App di messaggistica Messenger e Skype. Un fenomeno in controtendenza: tra gli iscritti ai social quella di cercare recensioni e foto dei locali direttamente su Facebook, senza passare da TripAdvisor, è un’abitudine sempre più diffusa.

Come si vedono gli Italiani sui social?

Per quanto riguarda la percezione di sé e degli altri, la tendenza degli Italiani è quella di trasmettere l’immagine migliore di se stessi, tanto da costruirla artificialmente. Instagram è la dimostrazione di come la percezione che abbiamo del mondo circostante contribuisca alla costruzione della nostra identità e dei nostri desideri.

Dalla ricerca emerge che il 45% degli Italiani vive attivamente la propria presenza sui social. Il 42% è formato dagli utenti passivi, ovvero da coloro che, pur frequentando i social, si limitano ad osservare in silenzio, senza esprimere opinioni o produrre contenuti di alcun genere. Il 13% effettua discorsi unidirezionali, spesso senza prestare attenzione alla realtà oggettiva.

Gli Italiani e la pubblicità nei social

Buona parte degli Italiani non è in grado di riconoscere gli annunci pubblicitari sui social network, costruiti secondo la logica del Native Advertising: un intervistato su tre non distingue i post sponsorizzati da quelli organici pubblicati dai propri contatti. 

Gli Italiani sui social network: la percezione della pubblicità sui social da parte degli italiani

Secondo gli Italiani, gli annunci su Facebook e Instagram, sono ritenuti utili. Il social network più “odiato” per la pubblicità online è YouTube, i cui video pre-roll sono considerati fastidiosi da 3 intervistati su 4.

servizi contattaci

Leave a Reply