Ha vinto Chrome

Google Chrome

Ha vinto Chrome. Ha definitivamente vinto Chrome. Punto. Quello di Google è il browser più utilizzato e la tendenza sarà di un maggiore incremento nel prossimo futuro. Questa non è e non era la novità. Il divario era già palese in precedenza, ma a sancire la vittoria è stata una involontaria (?) ammissione di Firefox.

Che il mercato web fosse dominato in ogni ambito dall’azienda di Mountain View era risaputo, ma fa sorridere il fatto che la superiorità di Chrome sia talmente palese da rendersi implicitamente esplicita in tutti i competitors. Ma di che cosa stiamo parlando esattamente?

«I head up Firefox marketing, but I use Chrome every day. Works fine. Easy to use. Like most of us who spend too much time in front of a laptop, I have two browsers open; Firefox for work, Chrome for play, customized settings for each. There are multiple things that bug me about the Chrome product, for sure, but I‘m OK with Chrome. I just don’t like only being on Chrome».

Fin qua nulla di strano, se a scriverlo fosse stato un utente qualsiasi.  Però, l’autore di queste parole, non è un utente qualsiasi. Si tratta di Eric Petitt, Direttore del Product Marketing per Firefox!

Mozilla Firefox

Certo, questo è solamente un estratto di un post più lungo e ben articolato, dove si toccano vari argomenti e si bilanciano pro e contro, eppure bastano queste poche righe per evincere tutta la superiorità del prodotto Google. Queste parole sono uscite in occasione dell’imminente versione del nuovo Mozilla Firefox. Ed è curioso che per spiegare agli utenti i vantaggi di utilizzare la volpe di fuoco ci si rifaccia continuamente a Chrome. Il dominio è talmente assoluto che è possibile raccontarsi solo in-comparazione-a.

Chiaramente, la nuova versione di Firefox ha notevoli vantaggi che vanno dalla leggerezza del programma, all’essere fuori dalle dinamiche di advertising del web, passando per la scelta autonoma dell’utente di entrare o uscire dall’universo Google. Eppure nessuna di queste caratteristiche sembra assurgere al ruolo di Killer-App. Per quanto vantaggiosi siano questi processi (lo sono davvero?), saranno realmente in grado di cambiare la storia di Mozilla?

Ad oggi, la risposta sarebbe un secco no. Eppure Internet è in continua e rapida evoluzione ed il web si presta ad incredibili e numerosi utilizzi che fino a qualche tempo fa erano totalmente inaspettati. Pensiamo solamente al mobile e a come ha stravolto le logiche internettiane. Chissà, magari fra qualche anno – riguardando indietro – penseremo a questo come un periodo di transizione e a come fosse buffo immaginarsi Chrome leader per sempre.

statistiche browser più utilizzati

statistiche dei browser più utilizzati