Juventus senza strisce nella nuova maglia, la rivoluzione nel 2019-2020

Juventus senza strisce nella nuova maglia, la rivoluzione nel 2019-2020

La Juventus dice addio alle strisce nella nuova maglia per la stagione 2019-20. Nel calcio, in cui i fatturati determinano le classifiche, qual è il confine tra marketing e tradizione?

Juventus sempre bianconera, ma non più a strisce. Il sito Internet Footy Headlines ha diffuso le immagini di quella che dovrebbe essere la nuova maglia della Juventus per la stagione 2019-2020: il lato destro nero, quello sinistro bianco e una striscia rosa tra i due colori per rendere il passaggio cromatico più leggero. Il “dovrebbe” è perché la notizia non è stata ancora stata ufficializzata dalla società.

Una svolta epocale, che sembra togliere uno dei maggiori simboli di riconoscimento della Juve a livello planetario. Siamo in un mondo in cui il Marketing influenza fortemente la nostra società, e la Vecchia Signora lo sa bene. Le regole del mercato impongono nuove divise ogni anno, rendendo la vecchia maglia unica e quindi più appetibile.
La storia e la tradizione di un club non si possono toccare; la divisa della Juventus senza strisce ha già scatenato molte polemiche tra i supporter bianconeri. Un taglio netto con il passato, in un processo graduale che parte dalla stagione 2018/19 con la maglia della Juve che presentava già meno strisce, per preparare il passaggio alla divisa bicolore. Sicuramente l’arrivo di Cristiano Ronaldo ha accelerato la direzione già presa in ottica di branding e di marketing della squadra torinese.

Juventus senza strisce nella nuova maglia, la rivoluzione nel 2019-2020

Juventus senza strisce nella nuova maglia. A che punto arriva il confine tra marketing e tradizione? Cosa c’è dietro?

In Italia, la Juventus è la prima società calcistica in termini di ricavi per quanto riguarda il marketing. I bilanci della società evidenziano una crescita dei guadagni, passati dai 195 milioni del 2001 ai 342 del 2016, e manca ancora l’anno dell’arrivo di Cristiano Ronaldo e del suo brand CR7.

Se sei interessato leggi anche:“Quanto vale il brand CR7?”

l’impero social di Cristiano Ronaldo: curiosità che non conosci

Tale crescita è dovuta sia ai risultati vincenti sul campo, sia alla costruzione dello stadio di proprietà che ha portato una notevole crescita del fatturato. Lo stadio proprietario, la presentazione del nuovo logo (leggi l’articolo qui) e le nuove maglia senza strisce della Juventus sono mosse di marketing, che mirano a rendere il club un brand, un marchio indipendente, alla stregua dei New York Yankees per intenderci. L’obiettivo della società bianconera è di arrivare a nuovi mercati, come quello asiatico, e nuovi target come donne, bambini e millennials (dai 14 ai 18 anni).

La strategia di brandizzazione esce dal tipico panorama calcistico italiano, pensiamo anche allo slogan della Juventus, #FinoAllaFine: si adatta perfettamente a qualsiasi stato d’animo, sia alla partita vinta in rimonta, sia alla sconfitta più bruciante. Fino alla fine, una fine che non esiste e che rappresenta ogni volta ciò che deve ancora arrivare. Il tifoso della Juve ha imparato che non può guardare al passato, a ciò che è stato. Deve guardare oltre, alla prossima fine, al futuro. E il futuro oggi obbedisce alle leggi del mercato…

Approfondimento:“L’impero social di Cristiano Ronaldo: curiosità che non conosci”

servizi contattaci

Lascia un Commento