Landing page: consigli utili per creare landing page efficaci

landing page conversione

Nel mondo del web marketing una Landing Page è una pagina di atterraggio su cui l’utente approda dopo aver cliccato su un advertising invitante, sia esso un banner, un annuncio di testo, una newsletter, un sms, un post… Il suo obiettivo primario è quello di trasformare il più alto numero possibile di visitatori in contatti (lead) o in clienti.

Esistono due tipi di Landing Page:

– Landing Page di consultazione (Reference): hanno lo scopo di fornire al visitatore le informazioni più importanti; queste pagine possono includere testi, immagini ed elenchi di servizi o di prodotti;

– Landing Page transazionali (Transactional): spingono l’utente a compiere l’azione desiderata, come riempire un modulo o lasciare un indirizzo e-mail. Le Landing Page transazionali sono ideali per vendere prodotti, servizi o contenuti.

Come anticipato, l’obiettivo primario della Landing Page è massimizzare le conversioni; la sua efficienza è misurata con il Conversion Rate (CR). Questa è la formula del tasso di conversione: (utenti che compiono l’azione desiderata / numero totale del click)*100.

Arrivati a questo punto la domanda sorge spontanea. Come si può aumentare il Conversion Rate? È possibile creare una Landing Page che converta maggiormente? Ecco alcuni consigli utili per aumentare le conversioni della tua campagna marketing.

10 consigli utili per creare Landing Page efficaci

1. Studia il Target

Il primo passo per strutturare una campagna di marketing è conoscere a fondo il target di riferimento: usi, abitudini, età, livello di conoscenza informatica, sesso e provenienza possono influire sul risultato finale. Una volta catapultato sulla Landing Page, l’utente deve trovare il contenuto che si aspetta, espresso in modo semplice e chiaro. Solo così potrai raggiungere il tuo obiettivo e ottenere la conversione!
target marketing

2. CTA (call to action) al posto giusto nel momento giusto

L’idea che la Call To Action debba essere subito visibile a un primo scroll della pagina è molto diffusa; sebbene abbia un fondo di verità, non è sempre una certezza assoluta. Come dimostrano diversi studi, a volte, prima di compiere l’azione desiderata, l’utente è portato a scorrere tutta pagina e a raccogliere il più alto numero di informazioni possibile. Esperimenti pratici hanno dimostrato come le Landing Page ricche di contenuti convertano meglio delle altre e ottengano lead di qualità più elevata.

Creare una Landing Page efficace significa fornire ai visitatori indicazioni chiare, brevi e perentorie e posizionare le call to action nei punti strategici. Questo è, infatti, il compito dell’invito all’azione: convertire, creare lead, vendere!

Scendendo nel dettaglio, per creare una call to action performante devi prestare attenzione a 3 avvertenze:

– utilizza colori che contrastino bene tra loro: i pulsanti potranno essere letti più facilmente;

– scegli font semplici e chiari (come il Railway, il Roboto, l’Open Sans e il Lato);

– ricordati di posizionare le call to action nei punti strategici della Landing Page.

Un trucco: le call to action convertono di più se sono inserite all’interno di pulsanti.

Alla fine, il segreto per realizzate Landing Page efficaci è sempre lo stesso: occorre conoscere il target di riferimento e strutturare la call to action nella maniera più performante possibile.
cta call to action

3. Crea titoli accattivanti

Un titolo capace di attirare l’attenzione è molto più di un semplice dettaglio. Spesso è il primo elemento con cui l’utente entra in contatto, il testo a cui è affidato il compito di lasciare una prima impressione positiva. Spingere un utente a cliccare su un link non significa necessariamente fare clickbaiting: un conto sono i titoli curati, costruiti per ottimizzare le conversioni, un altro quelli sensazionalistici e sommari che, nel migliore delle ipotesi, sono utili solo ad accrescere il numero delle aperture. Questa dovrebbe essere la regola d’oro per creare Landing Page efficaci: assicurarsi che il testo sia coerente con il titolo e che un breve sottotitolo approfondisca il concetto principale.

4. Scegli con cura le immagini

Le immagini parlano da sole: altamente intuitive, hanno quell’immediatezza comunicativa che non appartiene alle parole. Non vanno scelte a caso o inserite solo perché sono gradevoli alla vista, ma devono aiutare il tuo target a comprendere meglio l’offerta. Spesso una bella foto può fare la differenza e contribuire ad aumentare le conversioni sulla Landing Page.

Citando Blade Runner: “Ho visto cose che voi umani…”: foto sgranate, mal posizionate, tagliate malissimo… Le immagini ricoprono davvero un ruolo di primo piano: quelle particolarmente brutte saranno notate subito. E, di certo, non ti aiuteranno a raggiungere l’obiettivo della campagna. importanza immagini

5. Evidenzia i concetti chiave

Da anni è diffusa la convinzione che l’utente abbordi i testi sul web con un approccio a ‘F’: legge tutto l’incipit e il primo capoverso; poi, dover capito il nocciolo della questione, tende a leggere solo l’inizio dei vari capoversi, in misura minore man mano che si avvicina verso il fondo.

Negli ultimi tempi ha iniziato a farsi largo la tesi secondo la quale il modello più utilizzato è quello a ‘Z’.
Schema Z web marketng

Sempre più abituato a leggere sul web, l’utente è portato a scorrere rapidamente i contenuti, quasi a scansionarli, prima di leggerli davvero. Per questo è importante marcare con il grassetto le parole chiave e i concetti clou.

6. Cura la User Experience

La User Experience è così importante che già nel 1991 Jakob Nielsen, il guru dell’usabilità, ne stilava le linee guide fondamentali.
È assodato: per essere performante, una Landing Page deve essere user friendly. Se la navigazione è semplice e intuitiva e se i contenuti sono chiari, completi e immediati, l’utente si sentirà a proprio agio e sarà più portato a lasciare il lead. Allo stesso tempo, è necessario che il tema scelto sia responsive. Non potrebbe essere diversamente: con tutti gli utenti che accedono a internet da smartphone, la Landing Page non può che essere ottimizzata per tutti i dispositivi (smartphone, tablet, pc)!

Ricorda: la User Experience aumenta notevolmente il numero di conversioni, lead e vendite online. La web usability è una grande alleata del ROI (Ritorno sull’Investimento)!
usabilità nel marketing

7. L’emozione aiuta la conversione

Gli studi del settore dimostrano che gli utenti che atterrano su una Landing Page reagiscono positivamente ai contenuti che suscitano un coinvolgimento emotivo. D’altronde, per conseguire il proprio obiettivo, una Landing Page deve catturare l’attenzione del visitatore e creare in lui una sensazione di appartenenza. Per rendere una Landing Page emozionale esistono numerose tecniche; tra le più blasonate vi è quella di trasmettere agli utenti la sensazione che stiano per perdere dei vantaggi. 
Un’altra potente leva emozionale è il fattore tempo: frasi come “Affrettati, la promozione scade il…!”, “Registrati subito, solo per oggi hai in omaggio…”, “Hai solo 15 giorni prima della scadenza dell’offerta”… sono una formidabile spinta alla conversione. Da non sottovalutare sono anche le potenzialità dello storytelling, che può essere utilizzato per rendere il messaggio più semplice e memorabile.
emozione landing page web marketing

8. Per realizzare landing page con alto CTR… non chiedere troppe informazioni

A nessuno piace dare i propri dati sensibili a terzi, soprattutto sul web. Generalmente l’utente è pigro e non ha molta voglia di compilare campi. Per aumentare le conversioni, i moduli devono richiedere solo le informazioni strettamente necessarie, come il nome, il cognome, il telefono e l’indirizzo email.
Se nel form della tua Landing Page chiedi troppi dati, il consumatore lo avvertirà come un’intrusione e sarà portato a non lasciare il lead.
form web marketing

9. Metti in chiaro l’offerta

Sei veramente sicuro che l’offerta corrisponda esattamente a quello che l’utente si aspetta? Quando prepari i contenuti, assicurati che la Landing Page richieda una sola azione e che l’offerta sia chiara, precisa e trasparente. Una Landing Page efficace deve risultare credibile; suo è il compito di trasmettere l’affidabilità e la qualità del prodotto.
CTR marketing

10. Testa la tua Landing Page

In questo punto è racchiuso il segreto del successo: ricordati di testare la tua Landing Page. Per convincere i visitatori a lasciare il lead esistono molti modi, ma non tutti sono ugualmente efficaci. Un semplice A/B Testing può aiutarti a individuare la la versione della Landing Page più performante. Per effettuare il test, puoi realizzare due versioni della stessa Landing Page uguali in tutto tranne che in un dettaglio (un titolo, un’immagine, un testo, una Call to Action…) e lasciarle attive in contemporanea per alcune settimane. Per aiutarti a capire quale delle due Landing Page sia migliore esistono numerosi tool: HubSpot, Google Experiment e VWO sono solo alcuni esempi.

Vorresti realizzare una Landing Page efficace, ma non sai come fare? Contattaci!

servizi contattaci

2 Comments

  1. 03 ottobre, 2017

    Come scrivere un oggetto efficace per la tua dem e newsletter Rispondi Upvote (0)

    […] è essenziale a tutti i livelli della comunicazione, dalla costruzione della mail in HTML alla creazione di una landing page che converta , fino alla scelta del target, attraverso la creazione di un database di contatti email, […]

  2. 29 maggio, 2018

    Come creare Banner pubblicitari che aumentino le conversioni - Blog Italia Mobile Rispondi Upvote (0)

    […] Landing Page. I banner reindirizzano a una pagina di destinazione, chiamata landing page. Sulla pagina di atterraggio, l’utente trova tutte le informazioni di cui necessita per […]

Lascia un Commento