Morti per un Selfie: i decessi sono già 259, lo rivela uno studio…

morti per un selfie: i decessi sono già 259, lo rivela uno studio…

Morti per un Selfie: secondo uno studio indiano sono già 259 i decessi nel mondo dal 2011 al 2017. “Problema sottostimato, che va affrontato…”

Assurdo ma vero, i Selfie hanno già causato 259 decessi in giro per il mondo tra il 2011 e il 2017. Secondo la ricerca del “Journal of Family Medicine and Primary Care” dell’All India Institute of Medical Sciences il problema di queste morti è sottostimato e non bisogna sottovalutarlo:

“Le morti da autoscatto sono diventate un problema e abbiamo condotto questo studio per valutare l’epidemiologia dei decessi correlati in tutto il mondo. Abbiamo effettuato una ricerca completa di parole chiave come selfie deaths, selfie accidents, selfie mortality, self photography deaths, koolfie deaths, mobile death/accidents dai notiziari – anche Google e notiziari inglesi in particolare – per raccogliere informazioni sui morti da autoscatto”.

morti per un selfie: i decessi sono già 259, lo rivela uno studio…

Selfie mortali, principalmente maschi di 20 anni

La ricerca made in India (disponibile qui) ha rivelato che il profilo tipico delle vittime degli autoscatti corrisponde a uomini di circa 22,94 anni. Il 72,5%, infatti, sono maschi, il 27,5% si riferisce alle donne. Il paese più colpito è proprio l’India, seguito da Russia, Stati Uniti e Pakistan.

Le cause principali per le Selfie deaths sono l’annegamento, il trasporto e la caduta; seguite da incendi, scosse elettriche e animali (in 8 casi):

“Abbiamo – rivelano i ricercatori – anche classificato i motivi dei decessi come comportamento a rischio o comportamento non rischioso. Il comportamento rischioso ha causato più morti e incidenti dovuti agli autoscatti rispetto al comportamento non rischioso. Il numero di decessi nelle donne è meno dovuto a comportamenti rischiosi rispetto al comportamento non rischioso mentre è circa tre volte nei maschi.”

Secondo i ricercatori indiani le morti per questo tipo di scatto sono un problema sottostimato e sottovalutato; alcune morti stradali, causate ovviamente dagli autoscatti, sono stati classificati come incidenti automobilistici. È importante valutare cause e ragioni per correre ai ripari con interventi mirati. Gli studiosi suggeriscono delle “No Selfie Zone” nei luoghi turistici come montagne, bacini idrici, grattacieli per prevenzione e per diminuire questa moderna mortalità dell’autoscatto.

Approfondimento: “Instagram secondo la scienza: luci e ombre del famoso social…”

servizi contattaci

Lascia un Commento