MySpace compie 15 anni: il primo social funziona ancora…

MySpace compie 15 anni: il primo social funziona ancora...

MySpace, il primo social network, funziona ancora ma in pochissimi lo frequentano. Un grandissimo successo, schiacciato poi dai big Facebook, Instagram e YouTube…

MySpace è ancora funzionante, è possibile iscriversi e cercare i primi collegamenti, ma se ci provate oggi… resterete delusi. Non ci sono utenti attivi, ma solo un cimitero di profili abbandonati.

Myspace nasce nel novembre 2003 da Tom Anderson (studente dell’Università della California, Berkeley e dell’Università della California, Los Angeles) e Chris DeWolfe (laureato all’University of Southern California’s Marshall School of Business). Anderson è stato presidente e amministratore delegato fino al 2009, anno in cui ha lasciato l’azienda poiché in disaccordo con la direzione presa dal sito.
MySpace è stato il primo social network, anticipando i colossi di YouTube, Instagram e Facebook. Il portale era utilizzato per condividere musica, foto e ogni tipo di produzione artistica personale. È stato una vetrina per i gruppi musicali, grazie alla possibilità di caricare gli MP3 che, nei primi tempi, era preclusa ai social network concorrenti.

MySpace compie 15 anni: il primo social funziona ancora...

Tom Anderson, fondatore di MySpace

Ha creato vere e proprie tendenze, come le foto “alla MySpace” e i primi selfie effettuati con le webcam e non con gli smartphone.

Il social ebbe così tanto successo da suscitare l’interesse di Rupert Murdoch che lo acquistò per 580 milioni di dollari.
Il 2008 raggiunse l’apice del suo successo, con 100 milioni di utenti mensili, diventando il sito più visitato negli Stati Uniti. Poco dopo iniziò il declino, schiacciato da Facebook e dal non sapersi reinventare, mentre gli artisti spostavano pian piano i loro contenuti su YouTube.

Approfondimento: “Battle for the Lockscreen: la guerra dei social network senza esclusione di colpi”

Oggi MySpace è un social fantasma, un contenitore vuoto pieno di profili morti,; solo la sezione news viene aggiornata, prendendo le notizie da altri siti. Persino Tom Anderson, suo fondatore e primo amico di ogni iscritto, l’ha abbandonato spostandosi su altre piattaforme. Oggi Tom è un appassionato di viaggi e foto che posta su Instagram con il nostalgico nick di “MySpace Tom”.

E voi? Avete usato MySpace per promuovere qualcosa, un album o un’attività?

Se sei interessato leggi anche: “Facebook: storia di un successo attraverso le 57 startup comprate in 12 anni”

servizi contattaci

Lascia un Commento