Netflix: cosa si nasconde dietro il nuovo font?

Netflix: cosa si nasconde dietro il nuovo font?

Netflix cambia font e ne crea uno proprietario. Ma cosa si nasconde dietro il nuovo carattere? Il motivo è prettamente economico…

Con i suoi 125 milioni di abbonati nel mondo, Netflix è sicuramente la piattaforma streaming più diffusa a livello globale. Ne ha fatta di strada dal giorno della sua nascita – correva l’anno 1997 – quando il fondatore, Reed Hastings, ebbe l’idea dopo che gli fu recapitata una penale di ben 40 dollari da Blockbuster per aver restituito in ritardo il VHS di Apollo 13.

Se sei interessato leggi: “Storia di Netflix: da un VHS consegnato in ritardo alla conquista del mondo”

La diffusione della piattaforma comporta scelte strategiche anche in ottica di risparmio economico, poiché porta ad investire la maggior parte del fatturato in contenuti. Anche per questo, quando fu presa la decisione di effettuare un restyling del logo, fu lanciato un contest per la creazione di un font personalizzato.

Netflix: cosa si nasconde dietro il nuovo font?

Che cosa si nasconde dietro al nuovo font di Netflix?

Perché la creazione del nuovo font di Netflix? Ovviamente per conferire un valore di unicità al brand con un carattere proprietario: il motivo principale, però, riguarda il risparmio. Alcune licenze vengono pagate in base alle impression, ovvero a seconda di quanti utenti visualizzano un elemento, proprio come per gli spazi pubblicitari su Internet. Come dicevamo all’inizio dell’articolo, Netflix ha una diffusione capillare sul pianeta e, grazie al font proprietario, il risparmio si traduce in milioni di dollari all’anno nelle casse dell’azienda.

Netflix Sans: cosa si nasconde dietro il nuovo font?

Creato dal designer Noah Nathan, il font si chiama Netflix Sans e, come spiegato su AdWeek, è un carattere funzionale ed economico che si ispira al logo della famosa piattaforma streaming.

Il nuovo font di Netflix: il richiamo al vecchio logo e al CinemaScope

Netflix: cosa si nasconde dietro il nuovo font?

Il font riprende lo storico logo della piattaforma, introdotto nell’anno di fondazione dell’azienda (1997) e aggiornato nel 2014. Si ispira al logo di CinemaScope, dal quale riprende l’obiettivo anamorfico utilizzato negli anni ’50 e ’60 per girare pellicole in widescreen.

Netflix: cosa si nasconde dietro il nuovo font?

Linee pulite, neutre, con grande spazio al design: queste sono le caratteristiche del nuovo font di Netflix. Le linee curve della lente della proiezione cinematografica sono riprese dal taglio ad arco sulla “t” minuscola.

Ti interessano i loghi dei brand? Leggi anche “Cosa significa e cosa c’è dietro il nuovo logo della Juventus”

servizi contattaci

Lascia un Commento