WhatsApp, Telegram, Facebook Messenger, WeChat, Viber e Snapchat: il Marketing con le applicazioni di messaggistica

Marketing con le applicazioni di messaggistica

WhatsApp, Telegram, Facebook Messenger, WeChat, Viber e Snapchat sono solo alcune tra le più note applicazioni per comunicare e scambiarsi innumerevoli media come video, foto, messaggi vocali… L’utilizzo di servizi di instant messaging è cresciuto del 30% dalla fine del 2012 come rilevato da uno studio di Global Web Index in 32 Paesi.

Classifica App Instant MessagingLe app di instant messaging più popolari in Europa e in USA sono WhatsApp e Snapchat. Quasi il 40% delle persone che accedono ad internet da mobile utilizzano la prima; la seconda invece ha una fascia di età più giovane per i contenuti che si possono scambiare.

L’Italia è al decimo posto a livello di penetrazione per uso di WhatsApp, mentre non è presente nelle classifiche legate alle altre applicazioni. Non esiste un leader a livello globale, dipende dal mercato: in Cina è molto utilizzata WeChat, mentre nei paesi anglosassoni (Stati Uniti, Regno Unito, Irlanda, Canada e Australia) Snapchat è largamente utilizzata. Quando lo studio viene esteso anche al mercato cinese le cose cambiano nettamente: WeChat diventa infatti il servizio più usato, con il 35% di audience a livello globale.

Marketing con instant messagging
Le applicazioni di instant messaging sostituiranno definitivamente gli SMS e le conversazioni sui Social? Non proprio. Nel pratico ormai l’SMS è sempre meno utilizzato, le principali motivazioni per continuare a preferire i messaggi sono l’assenza di connessione a Internet (68%) e il restare in contatto con amici o familiari che non usano applicazioni di questo tipo (61%).
Le visite sui Social diventano sempre più frequenti, ma sempre più brevi: mediamente una persona sblocca il proprio smartphone più di 110 volte al giorno. I social media stanno seguendo, sia in termini di formati, sia in termini di funzionalità, questo cambiamento di abitudini e stanno diventando sempre più adatti a fornire contenuti “snack” (sempre più visuali, e che richiedono sempre meno attenzione in termini di tempo, ma che sono capaci di attirarla sempre di più – dovendosela guadagnare in mezzo a una quantità sempre maggiori di altri contenuti).

Intanto Facebook, per non sbagliare, ha in mano i due servizi più diffusi (WhatApp e Facebook Messenger) e questo è molto indicativo per rendersi conto di quale sia l’impatto di servizi di questo tipo a livello globale.

whatsapp marketing

Oggi quasi tutte le aziende sono presenti su Facebook, Twitter ed altri noti social network, nel prossimo futuro lo saranno sempre più anche su WhatsApp e simili, così da instaurare un rapporto ancor più stretto e avviare una comunicazione più informale, rapida ed efficace con i potenziali clienti o con quelli già acquisiti, che se ben supportati possono facilmente diventare fedeli ambasciatori del brand, rappresentando quindi un importante investimento.

Al momento Whatsapp e Messenger sono tra i protagonisti indiscussi di questa nuova frontiera del mobile marketing. Telegram però, con la possibilità di creare dei canali e anche di utilizzare dei BOT che ne automatizzano alcune funzionalità, secondo molti rappresenta il futuro e saprà attrarre sempre più aziende alla ricerca di nuovi strumenti di promozione e comunicazione.

Ad ogni modo il segnale è chiaro, il social media marketing si sposterà sempre più sul mobile e per questo dovrà avvalersi di nuovi strumenti nati e cresciuti proprio sui device mobili, come le app di messaggistica.

servizi contattaci

Leave a Reply