1G, 2G, 3G, 4G, 5G: storia dell’Internet Mobile. Cosa cambierà con il 5G?

1G, 2G, 3G, 4G, 5G: storia dell’Internet Mobile. cosa cambierà con il 5G?

Dall’1G al 5G: storia e curiosità delle connessioni Internet Mobile. La quinta generazione della telefonia cellulare, come le precedenti, rivoluzionerà le nostre vite?

La storia delle connessioni Internet Mobile inizia negli anni Ottanta, e da allora le telecomunicazioni hanno fatto passi da gigante.

Oggi si parla molto della nuova tecnologia 5G, anche perché l’Italia è uno dei paesi europei  più avanti nella sperimentazione, tra i primi ad aver avviato test a Roma, Torino, Milano, Bari, Prato, L’Aquila, Matera, Cagliari, Catania, Lecce e Livorno.

Bisognerà però aspettare il 2020 per l’apertura ufficiale delle reti, mentre negli Stati Uniti, in Corea del Sud e in Cina arriverà a Dicembre.

La connessione 5G è una nuova rivoluzione culturale, che affascina e fa sognare viste le premesse. Il nuovo standard promette velocità impensabili, che nessuna connessione fissa può sostenere, fino a 20 Gbps! Permetterà lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale, dell’e-health in medicina, di droni corrieri, delle auto a guida autonoma e di tutto ciò che è possibile connettere.

Perché allora il 5G fa così discutere?
Attualmente il leader mondiale per la nuova tecnologia di connessione Internet mobile è l’azienda cinese Huawei. La legge in Cina del 2017 impone alle aziende e ai cittadini di «sostenere, cooperare e collaborare nel lavoro di intelligence nazionale». Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna temono quindi che il governo Orientale possa spiare e accedere ai dati riservati dei cittadini americani ed europei.

Approfondimento: “La guerra tra Cina e Usa per il controllo del web tramite il 5G”

Il 3G ha aperto la strada a Internet e ai servizi in mobilità, il 5G ci consentirà di sviluppare servizi digitali impensabili fino ad ora.
Ma come sono cambiate le reti Internet Mobile negli anni? Cosa cambierà con il 5G?

Storia delle connessioni Internet Mobile: dall’1G al 5G

Anni ’80 / ’90, l’1G

La prima rete Internet Mobile 1G si basava su un tipo di tecnologia analogica che portò la prima vera rivoluzione tecnologica: sono gli anni del TACS (Total Access Communication System, in italiano Sistema di Comunicazione ad Accesso Totale) e dell’idea di un telefono senza fili.

Le tariffe di allora non erano quelle vantaggiose e con millemila giga come al giorno d’oggi, erano viste più come uno status symbol, roba da ricchi insomma. Qualcosa però iniziò a cambiare, come ad esempio in Italia, quando nel 1993 la Telecom Italia Mobile propose la tariffa Family, con costi ridotti nelle fasce serali e nel weekend. La mobilità iniziava a diventare democratica.

Il termine prima generazione (1G) fu coniato successivamente, quando la tecnologia fu archiviata per fare posto allo standard GSM o 2G.

1G, 2G, 3G, 4G, 5G: storia dell’Internet Mobile. cosa cambierà con il 5G?

Il primo telefono cellulare della storia, il Motorola Dynatac 8000x

Anni ’90, il 2G

Nel 1991 debuttò il nuovo standard di seconda generazione per la rete Internet Mobile, il 2G o GSM. Più banda, quindi più velocità, e nuovi servizi disponibili come SMS e il collegamento alla rete via WAP.

Il primo cambiamento socio-culturale fu dato dai brevi messaggi di 160 caratteri, che portarono una rivoluzione culturale. Nel 1985, i limiti della larghezza della banda, portarono l’ingegnere tedesco Friedhelm Hillebrand a stabilire l’uso di massimo 160 caratteri per ogni messaggio. La decisione fu presa perché cartoline e telex necessitavano solitamente di meno caratteri.

Il 1996 è l’anno del cambiamento grazie all’introduzione delle SIM a consumo, che portarono gli SMS agli adolescenti: nasceva così un nuovo modo di comunicare, mentre i telefonini diventavano sempre più piccoli.

Approfondimento:
“Tanti auguri SMS, 25 anni di messaggi”
“L’SMS Marketing funziona per promuovere un’azienda?”

1G, 2G, 3G, 4G, 5G: storia dell’Internet Mobile. cosa cambierà con il 5G?

Anni 2000, il 3G

La terza generazione di reti Internet Mobile arrivò agli inizi del 2000 in Corea del Sud e in Giappone, mentre in Italia debuttò solo nel 2005. La velocità di download passò da 384 Kbps a 21Mbps, portando Internet sui telefoni mobili; il 3G, infatti, è lo standard dei primi smartphone.

Le nostre vite iniziarono a cambiare radicalmente con il nuovo modello: Blackberry portò l’email sul cellulare, Apple lanciò l’App Store nel 2008, arrivarono le videochiamate e si andò oltre gli SMS grazie a due dipendenti di Yahoo che crearono Whatsapp, basato sul traffico Internet.

I prezzi delle tariffe non erano ancora economici come oggi, ma il computer iniziava già a perdere l’esclusività della rete. Per gli smartphone ci fu un’inversione di rotta: le dimensioni dei telefonini aumentarono, data l’esigenza di avere display più grandi rispetto agli anni del 2G.

Steve Jobs e il primo iPhone

2010, il 4G

La storia del 4G o LTE, la quarta generazione di reti Internet Mobile, iniziò il 27 Giugno 2011, quando venne pubblicato il bando per l’assegnazione delle licenze. La velocità di download passò a 326,4 Mbps, creando le condizioni per l’esplosione delle attuali comunicazioni mobili.

Streaming video in HD e 4K, streaming musicale in alta qualità e l’Internet delle Cose (IoT), con dispositivi sempre connessi e controllabili ovunque. I pagamenti online, grazie alla stabilità del 4G, si sono diffusi notevolmente, portando anche alla nascita delle criptovalute come i Bitcoin.

1G, 2G, 3G, 4G, 5G: storia dell’Internet Mobile. cosa cambierà con il 5G?

Ora arriva il turno della rete Internet Mobile 5G: questa tecnologia quanto cambierà la nostra vita?

servizi contattaci

Lascia un Commento