Il marketing e la pubblicità nello Spazio con la startup russa StartRocket

il marketing e la pubblicità nello Spazio con la startup russa StartRocket

L’ambizioso progetto della startup russa StartRocket, che vuole proiettare la pubblicità nello Spazio con giganteschi cartelloni pubblicitari (Orbital Display) entro il 2021

La pubblicità nello Spazio? Sì, avete letto bene. È l’ambizioso progetto della startup russa StartRocket, decisa a lanciare l’advertising in orbita tramite un sistema di piccoli satelliti che formano un gigantesco display nell’orbita terrestre. Non solo pubblicità nello Spazio; secondo quanto afferma l’azienda il sistema sarà utile anche in caso di calamità o disastri.
Vlad Sitnikov, CEO di StartRocket, ha dichiarato:

Siamo letteralmente governati dai brand e dagli eventi. Pensiamo al Super Bowl, a Coca-Cola, a Mercedes e alle olimpiadi […]. L’economia è il sangue della società e l’intrattenimento e la pubblicità sono il cuore di questo sistema. Stiamo iniziando a considerare lo Spazio un posto in cui vivere e portare la nostra cultura, quindi perché non sfruttarlo per la pubblicità?

Un nuovo modo di far pubblicità, che porterà le impression all’incredibile cifra di 3,5 miliardi di persone: la metà della popolazione terrestre potrà vedere l’inserzione. Chissà quanti dati e analytics dovremo analizzare! 😀

Pubblicità nello Spazio: come funziona l’Orbital Display?

Il progetto per la pubblicità nello Spazio, come mostrato nel sito ufficiale della StarRocket, prevede l’installazione, a circa 400-500 chilometri di altezza, di un mega schermo da 50 chilometri quadrati. I pixel saranno composti da dei CubeSat, mini-satelliti dotati di una vela che cattura e riflette la luce solare proiettando l’inserzione pubblicitaria nello Spazio.

Quindi, cari Designer, iniziate ad esercitarvi con il responsive Spaziale per adattare alla perfezione il vostro messaggio pubblicitario 😂.

Gli astronomi avvisano: la pubblicità nello Spazio prima disturberà l’osservazione degli astri, poi peggiorerà il problema della spazzatura spaziale. Eppure la strada sembra definitivamente tracciata…

il marketing e la pubblicità nello Spazio con la startup russa StartRocket

Quanto costerà la pubblicità nello Spazio?

StartRocket sta studiando il modo di ottimizzare i costi, ad iniziare dalla tecnologia di lancio e di messa in orbita. L’obiettivo è di avere un razzo capace di portare nello Spazio tutti i satelliti con un unico viaggio. Se tutto procede secondo le aspettative, il costo di una pubblicità nello Spazio sarà nello stesso range delle campagne televisive.

La startup moscovita è convinta che il servizio possa diventare di pubblica utilità. In caso di blocchi alle reti telefoniche, in caso di interruzioni di corrente o di emergenze catastrofiche, potrà essere proiettato un messaggio per i terrestri.

D’altronde, anche Andy Warhol lo diceva:

La cosa più bella di Tokyo è McDonald’s. La cosa più bella a Stoccolma è McDonald’s. La cosa più bella di Firenze è McDonald’s. Pechino e Mosca non hanno ancora nulla di tanto meraviglioso.

Approfondimento: “Facebook, il futuro del social network sarà la comunicazione telepatica”

Quando è previsto il lancio dell’Orbital Display e l’inizio dello Space Advertising?

Un progetto così futuristico da risultare un fake? No, tutto vero, il lancio è previsto infatti nel 2021. Comunque andrà a finire, l’iniziativa di Star Rocket è un indicatore della popolarità che sta riscuotendo la Space Economy negli ultimi anni. Pensate a SpaceX del visionario Elon Musk o alla Virgin Galactic di Richard Branson…

Curiosità: “Le previsioni tecnologiche sul futuro più sbagliate della storia”

L’idea della pubblicità nello spazio affascina, ma siamo sicuri di voler rinunciare alla bellezza dell’Universo per l’ennesimo messaggio pubblicitario? Voi cosa ne pensate?

servizi contattaci

Lascia un Commento